COVID-19 – INFORMAZIONI UTILI PER GLI SPOSTAMENTI

Requisiti e documentazione necessaria per viaggiare

Per ogni destinazione viene indicata la procedura straordinaria stabilita per legge in riferimento all’emergenza coronavirus

LOGO-PROCEDURE-SICUREZZA-A-BORDO-RINA

aggiornamento del 16/06/2021

Grimaldi Lines consente l’imbarco previo ritiro del seguente modulo di autocertificazione compilato in STAMPATELLO MAIUSCOLO in tutte le sue parti. I clienti che arrivano al porto con i moduli già compilati (uno per ogni passeggero) avranno accesso al fast check-in. Chi ne è sprovvisto dovrà invece recarsi in biglietteria a ritirarlo, perdendo il posto nella fila.

Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, sarà responsabilità di ogni passeggero verificare prima di ogni viaggio – sia di andata che di ritorno – le restrizioni regionali, nazionali ed estere vigenti.

Informazioni su modifica e annullamento dei biglietti sono disponibili nella pagina dedicata.

Per risolvere eventuali altri dubbi consulta la sezione FAQ (risposte alle domande più frequenti)

VIAGGI VERSO LA SARDEGNA

  • Livorno – Olbia
  • Civitavecchia – Olbia (stagionale)
  • Civitavecchia – Porto Torres
  • Napoli – Cagliari
  • Palermo – Cagliari
  • Barcellona – Porto Torres (consultare la sezione Viaggi da/verso la Spagna)

Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, sarà responsabilità di ogni passeggero verificare prima di ogni viaggio – sia di andata che di ritorno – le restrizioni nazionali e regionali vigenti.

Se la regione di partenza o arrivo è arancione o rossa, gli spostamenti sono soggetti ad un modello di autocertificazione.

Per maggiori informazioni sulle misure adottate dal Governo, consultare queste pagine http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=EAIaIQobChMI58a6z7Oy7wIVEud3Ch2DRQysEAAYASAAEgK7S_D_BwE#zone

Sono liberamente consentiti gli spostamenti anche tra le Regioni e le Province autonome in zona arancione o zona rossa purchè il passeggero sia munito di certificazione verde, che consiste alternativamente in:

  • certificato di avvenuta vaccinazione completa (doppia dose, se prevista) effettuata almeno 14 giorni prima della partenza
  • avvenuta guarigione da COVID-19,  con  contestuale  cessazione dell’isolamento prescritto in seguito  ad  infezione  da  SARS-CoV-2
  • certificato negativo di test molecolare o antigenico effettuato 48 ore prima dello spostamento

VIAGGI DALLA SARDEGNA

  • Porto Torres – Civitavecchia
  • Olbia – Livorno
  • Olbia – Civitavecchia (stagionale)
  • Cagliari – Napoli
  • Cagliari – Palermo

Per maggiori informazioni sulle misure adottate dal Governo, consultare queste pagine http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=EAIaIQobChMI58a6z7Oy7wIVEud3Ch2DRQysEAAYASAAEgK7S_D_BwE#zone

Se la regione di partenza o arrivo è arancione o rossa, gli spostamenti sono soggetti ad un modello di autocertificazione.

VIAGGI VERSO LA SPAGNA

  • Civitavecchia-Barcellona
  • Porto Torres-Barcellona

Per imbarcare verso la Spagna è obbligatorio compilare il Passenger Locator Form digitale con rilascio di QR. Il modello si scarica dal link https://spthm.puertos.es/

Nel pdf con QR code, che il passeggero riceve una volta effettuata la registrazione, compare la scritta DOCUMENTAL CONTROL (visto che l’Italia è considerata Paese a rischio). Questo significa che la legge spagnola ci impone di controllare al check-in, oltre all’avvenuta registrazione, anche il possesso dei seguenti documenti alternativi:

  • certificato di avvenuta vaccinazione completa (doppia dose, se prevista) effettuata almeno 14 giorni prima della partenza.
  • certificato di guarigione da COVID-19, emesso almeno dopo 11 giorni dal test positivo e valido fino a 180 gg dalla data della prova diagnostica con esito negativo
  • certificato con esito negativo di test molecolare o antigenico effettuato 48 ore prima dell’arrivo in Spagna

I certificati dovranno essere in spagnolo, inglese, francese o tedesco e dovranno contenere il nome completo del pax e la data (del vaccino, del test o della prova che conferma la guarigione).

I pax minori di 12 anni non dovranno presentare nulla.

In ogni caso, data la mutevole situazione normativa, si raccomanda vivamente ai passeggeri di consultare sempre le normative vigenti sui siti ufficiali, tra cui dell’Ambasciata italiana a Madrid e del Consolato Generale d’Italia a Barcellona.

VIAGGI DALLA SPAGNA

  • Barcellona-Porto Torre
  • Barcellona-Civitavecchia

Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, sarà responsabilità di ogni passeggero verificare prima di ogni viaggio – sia di andata che di ritorno – le restrizioni nazionali e regionali vigenti.

I passeggeri rientranti in Italia dalla Spagna, dovranno compilare un modulo di autodichiarazione ministeriale da  presentare al Vettore all’imbarco, che dal 24 maggio sarà sostituito da un formulario digitale di localizzazione, scaricabile al seguente sito web https://app.euplf.eu/#/.

Una volta collegati al sito, bisogna:

  1. Seguire la procedura guidata per accedere al PLF
  2. Scegliere “Italia” come Paese di destinazione
  3. Registrarsi creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta)
  4. Compilare ed inviare il PLF seguendo la procedura guidata.

Una volta inviato il modulo, il passeggero riceverà all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione il PLF in formato pdf e QRcode che dovrà mostrare direttamente dal suo smartphone (in formato digitale) al momento dell’imbarco e a chiunque deputato ad effettuare i controlli.

Tutti i dettagli sono disponibili al seguente link https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5411&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto&tab=10

Da quando sarà disponibile il formulario digitale, solo nel caso in cui non sia stato tecnicamente possibile compilarlo, sarà consentito  avvalersi del modulo di autodichiarazione ministeriale cartaceo, redatto secondo i criteri indicati all’art. 50 comma 1 del DPCM 2 marzo 2021. È opportuno essere pronti a mostrare eventuale documentazione di supporto e a rispondere a eventuali domande da parte del personale preposto ai controlli.

In base all’Ordinanza del 14 maggio 2021 del Ministro della Salute, per l’ingresso in Italia, in caso di soggiorno o transito dalla Spagna nei 14 giorni precedenti, oltre a compilare un’autocertificazione  (che verrà a breve sostituita da un formulario digitale di localizzazione), è  obbligatorio presentare la certificazione verde Covid-19 rilasciata o riconosciuta ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lett. c), del decreto legge 22 aprile 2021, n. 52, da cui risulti di essersi sottoposti, nelle quarantotto (48) ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone e risultato negativo.

In attesa che siano diramate le necessarie linee guida in merito alla certificazione verde Covid-19, si può continuare a presentare un certificato che attesti l’effettuazione di un test molecolare o antigenico, realizzato nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia, condotto con tampone e risultato negativo.

Nel caso in cui non sia possibile presentare la certificazione verde Covid-19 o un certificato che attesti l’effettuazione del test nei termini su indicati , è comunque possibile entrare in Italia, una condizione di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di dieci giorni , presso l’abitazione o la dimora, informando il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio;
  • Effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento fiduciario.

Sono previste eccezioni agli obblighi di test nelle 48 ore precedenti l’arrivo, isolamento e test successivo, in particolare:

  • chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle centoventi (120) ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario
  • chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a trentasei (36) ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza

Prima di intraprendere il viaggio consultare le pagine http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio       http://www.viaggiaresicuri.it/country/ESP)

http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio

VIAGGI VERSO LA SICILIA

  • Livorno – Palermo 
  • Salerno – Palermo

Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, sarà responsabilità di ogni passeggero verificare prima di ogni viaggio – sia di andata che di ritorno – le restrizioni nazionali e regionali vigenti.

Sono liberamente consentiti gli spostamenti anche tra le Regioni e le Province autonome in zona arancione o zona rossa purchè il passeggero sia munito di certificazione verde, che consiste alternativamente in:

  • certificato di avvenuta vaccinazione completa (doppia dose, se prevista) effettuata almeno 14 giorni prima della partenza
  • avvenuta guarigione da COVID-19,  con  contestuale  cessazione dell’isolamento prescritto in seguito  ad  infezione  da  SARS-CoV-2
  • certificato negativo di test molecolare o antigenico effettuato 48 ore prima dello spostamento

Per maggiori informazioni sulle misure adottate dal Governo consultare questa pagina  http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=EAIaIQobChMIkfWrisC07wIVU-R3Ch3G4wPCEAAYASAAEgIAmvD_BwE#zone

Se la regione di partenza o arrivo è arancione o rossa, gli spostamenti sono soggetti ad un modello di autocertificazione.

VIAGGI DALLA SICILIA

  • Palermo – Livorno
  • Palermo – Salerno

Per maggiori informazioni sulle misure adottate dal Governo, consultare queste pagine  http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=EAIaIQobChMIkfWrisC07wIVU-R3Ch3G4wPCEAAYASAAEgIAmvD_BwE#zone

Se la regione di partenza o arrivo è arancione o rossa, gli spostamenti sono soggetti ad un modello di autocertificazione

Per conoscere le restrizioni che riguardano la tua regione in base alle nuove Ordinanze adottate dal Ministro della Salute, consultare i seguenti link  http://www.ministerosalute.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp  e http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=EAIaIQobChMIkfWrisC07wIVU-R3Ch3G4wPCEAAYASAAEgIAmvD_BwE#zone

Se sei un cittadino italiano di rientro dall’estero o un cittadino straniero in Italia, consulta questa pagina

https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

VIAGGI VERSO LA GRECIA

  • Brindisi-Igoumenitsa
  • Brindisi-Corfù
  • Ancona-Igoumenitsa
  • Ancona-Patrasso
  • Ancona-Corfù

Le procedure per gli ingressi in Grecia di seguito descritte sono state prorogate fino al 21 giugno 2021.

Per poter accedere nel Paese rimane condizione indispensabile la compilazione del Passenger Locator Form (PLF), disponibile su questo sito https://travel.gov.gr/#/,con il quale i viaggiatori devono fornire informazioni sul luogo di provenienza, sulla durata dei soggiorni precedenti in altri Paesi e sull’indirizzo del proprio soggiorno in Grecia.

Il modulo contiene una serie di domande sul proprio viaggio, tra cui il campo “numero di cabina o poltrona” e “nome della nave” nel quale è possibile inserire la dicitura “TBA” (dal momento che non sarà ancora noto). Una volta completato il questionario, si riceverà una email contenente un QR code, il cui possesso verrà controllato dalla Compagnia in fase di imbarco.

E’ consentito l’ingresso ai  passeggeri che risiedono nei Paesi UE, nell’area Schengen, Regno Unito, USA, Emirati Arabi Uniti, Serbia e Israele purché, al momento dell’ingresso in Grecia, siano in possesso di un test molecolare negativo effettuato nelle 72 ore precedenti all’arrivo, o – in alternativa – di un certificato di vaccinazione (in Inglese, Francese, Tedesco, Italiano, Spagnolo o Russo) emesso da pubbliche autorità e secondo la competente legislazione (purché siano decorsi almeno 14 giorni dal completamento della vaccinazione).In alternativa è consentito l’ingresso ai passeggeri muniti di certificati di avvenuta guarigione con sopra scritta la relativa validità (da 2 a 9 mesi).

Le  compagnie di navigazione devono controllare il possesso da parte del passeggero della documentazione necessaria e nei ed in caso di violazione di quest’obbligo hanno l’obbligo di reimpatriare il passeggero a propri rischi e spese.

I bambini di età inferiore ai 5 anni sono esonerati.

Rimane invece in vigore per tutti i passeggeri in arrivo la possibilità di essere sottoposti, a campione, a un test rapido effettuato all’arrivo in Grecia. Il test a campione, qualora si venga selezionati, è obbligatorio: le Autorità greche si riservano il diritto di rifiutare l’ingresso nel Paese a coloro i quali si rifiutino di sottoporsi al test rapido. In caso di positività al test rapido è previsto un periodo di isolamento obbligatorio di 14 giorni per i viaggiatori risultati positivi e per i loro contatti prossimi in appositi “hotel quarantena” (le spese di alloggio sono coperte dallo Stato greco), dove verranno effettuati nuovi test per verificare la diagnosi iniziale.

Maggiori informazioni sulle misure previste per l’ingresso in Grecia a partire dal 19 aprile sono disponibili sul seguente sito, a cura della Protezione Civile greca: https://travel.gov.gr/#/

VIAGGI DALLA GRECIA

  • Igoumenitsa – Brindisi
  • Corfù – Brindisi
  • Igoumenitsa – Ancona
  • Patrasso – Ancona
  • Corfù – Ancona

Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, sarà responsabilità di ogni passeggero verificare prima di ogni viaggio – sia di andata che di ritorno – le restrizioni nazionali e regionali vigenti.

In base all’Ordinanza del 14 maggio 2021 del Ministro della Salute, per l’ingresso in Italia, in caso di soggiorno o transito dalla Grecia nei 14 giorni precedenti, oltre a compilare un’autocertificazione  (che dal 24 maggio sarà sostituita da un formulario digitale di localizzazione), è  obbligatorio presentare la certificazione verde Covid-19 rilasciata o riconosciuta ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lett. c), del decreto legge 22 aprile 2021, n. 52, da cui risulti di essersi sottoposti, nelle quarantotto (48) ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone e risultato negativo.

Il formulario digitale di localizzazione è scaricabile al seguente sito web https://app.euplf.eu/#/.

Una volta collegati al sito, bisogna:

  1. Seguire la procedura guidata per accedere al PLF
  2. Scegliere “Italia” come Paese di destinazione
  3. Registrarsi creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta)
  4. Compilare ed inviare il PLF seguendo la procedura guidata.

Una volta inviato il modulo, il passeggero riceverà all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione il PLF in formato pdf e QRcode che dovrà mostrare direttamente dal suo smartphone (in formato digitale) al momento dell’imbarco e a chiunque deputato ad effettuare i controlli.

Tutti i dettagli sono disponibili al seguente link https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5411&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto&tab=10

Da quando sarà disponibile il formulario digitale, solo nel caso in cui non sia stato tecnicamente possibile compilarlo, sarà consentito  avvalersi del modulo di autodichiarazione ministeriale cartaceo, redatto secondo i criteri indicati all’art. 50 comma 1 del DPCM 2 marzo 2021. È opportuno essere pronti a mostrare eventuale documentazione di supporto e a rispondere a eventuali domande da parte del personale preposto ai controlli.

In attesa che siano diramate le necessarie linee guida in merito alla certificazione verde Covid-19, si può continuare a presentare un certificato che attesti l’effettuazione di un test molecolare o antigenico, realizzato nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia, condotto con tampone e risultato negativo.

Nel caso in cui non sia possibile presentare la certificazione verde Covid-19 o un certificato che attesti l’effettuazione del test nei termini su indicati , è comunque possibile entrare in Italia, una condizione di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di dieci giorni , presso l’abitazione o la dimora, informando il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio;
  • Effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento fiduciario.

Sono previste eccezioni agli obblighi di test nelle 48 ore precedenti l’arrivo, isolamento e test successivo, in particolare:

  • chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle centoventi (120) ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario
  • chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a trentasei (36) ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza

Prima di intraprendere il viaggio consultare le pagine http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio ; http://www.viaggiaresicuri.it/country/GRC

VIAGGI DA/VERSO IL MAROCCO

  • Savona-Tangeri e viceversa
  • Barcellona -Tangeri e viceversa

si segnala che il trasporto passeggeri è attualmente sospeso.

VIAGGI VERSO LA TUNISIA

  • Civitavecchia – Tunisi
  • Salerno – Tunisi
  • Palermo – Tunisi

Il Ministero dei Trasporti tunisino ha disposto che l’ingresso dei viaggiatori provenienti dall’estero verso la Tunisia è sospeso eccezionalmente dal 3 al 21 maggio 2021.

Dal 01 giugno la quarantena obbligatoria negli hotel stabiliti dal Governo Tunisino e l’obbligo di tampone RT-PCR è revocato :

  • per tutti i passeggeri che mostrino all’imbarco un certificato di vaccinazione (doppia dose) emesso dall’autorità sanitaria del Paese di arrivo, contenente un QR code che ne testimoni l’autenticità
  • per tutti i passeggeri che hanno contratto il VIRUS Covid-19 almeno 06 settimane prima della data del viaggio e mostrino all’imbarco un certificato medico rilasciato dalle competenti autorità sanitarie

Per tutti gli altri viaggiatori di età superiore a 12 anni, va presentato:

  • il certificato negativo di test molecolare effettuato nelle 72 ore prima della partenza e comprensivo di QR  code che ne attesti l’autenticità
  • autodichiarazione che indichi l’impegno personale ad effettuare la quarantena presso il proprio domicilio in Tunisia (modello allegato)

Tutti i viaggiatori diretti in Tunisia devono:

VIAGGI DALLA TUNISIA

  •  Tunisi – Civitavecchia
  •  Tunisi – Salerno
  •  Tunisi – Palermo

Gli spostamenti sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni, quali: lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono quindi consentiti spostamenti per turismo.  Si consiglia di  consultare sempre la Scheda del Paese di interesse su ViaggiareSicuri, per verificare eventuali restrizioni all’ingresso da parte delle Autorità locali .

Il rientro / ingresso in Italia, in caso di soggiorno / transito nei 14 giorni precedenti dalla Tunisia, è sempre consentito ai cittadini italiani / UE / Schengen e loro familiari, nonché ai titolari dello status di soggiornanti di lungo periodo e loro familiari (Direttiva 2004/38 / CE) e per le persone che hanno una  relazione affettiva comprovata e stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani / UE / Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia (residenti di lungo periodo), che debbano raggiungere l’abitazione / domicilio / residenza del partner (in Italia).  All’ingresso / rientro in Italia da questi Paesi, è obbligatorio:

  • compilare un’autocertificazione , che dal 24 maggio sarà sostituita da un formulario digitale di localizzazione scaricabile al seguente sito web https://app.euplf.eu/#/.Una volta collegati al sito, bisogna:
    1. Seguire la procedura guidata per accedere al PLF
    2. Scegliere “Italia” come Paese di destinazione
    3. Registrarsi creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta)
    4. Compilare ed inviare il PLF seguendo la procedura guidata.

    Una volta inviato il modulo, il passeggero riceverà all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione il PLF in formato pdf e QRcode che dovrà mostrare direttamente dal suo smartphone (in formato digitale) al momento dell’imbarco e a chiunque deputato ad effettuare i controlli.

    Tutti i dettagli sono disponibili al seguente link https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5411&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto&tab=10

    Da quando sarà disponibile il formulario digitale, solo nel caso in cui non sia stato tecnicamente possibile compilarlo, sarà consentito  avvalersi del modulo di autodichiarazione ministeriale cartaceo, redatto secondo i criteri indicati all’art. 50 comma 1 del DPCM 2 marzo 2021. È opportuno essere pronti a mostrare eventuale documentazione di supporto e a rispondere a eventuali domande da parte del personale preposto ai controlli.

  • atto di un certificato che attesti il  risultato negativo di un test molecolare o antigenico , condotto con tampone, effettuato nelle  settantadue (72) ore  precedenti l’ingresso in Italia, da mostrare a chiunque sia preposto ad effettuare questa verifica, come stabilito con Ordinanza 14 maggio 2021 .
  • Informare l’azienda sanitaria competente per territorio del proprio ingresso in Italia.
  • Sottoporsi comunque un  isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria. Dal 18 aprile 2021, il periodo di sorveglianza è ridotto a dieci (10) giorni.  
  • Si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato
  • Al termine dei dieci (10) giorni di quarantena, è obbligatorio effettuare un  ulteriore test molecolare o antigenico,  condotto con tampone.

In generale per gli ingressi in Italia, sono previste eccezioni agli obblighi di test nelle 48 ore precedenti l’arrivo, isolamento e test successivo a:

  • chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle centoventi (120) ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario
  • chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a trentasei (36) ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza

L’autocertificazione dovrà essere presentata all’imbarco in duplice copia.

Per informazioni invia un’email ad info@grimaldi.napoli.it

Sposta sul contenuto