Informazioni emergenza coronavirus (Covid-19)

STATO PARTENZE E DOCUMENTI PER VIAGGIARE IN CONFORMITA’ ALLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI SULL’EMERGENZA COVID–19

aggiornamento del 18/05/2020

Per le tratte da/verso la Sardegna:

  • Civitavecchia-Porto Torres (e viceversa)
  • Livorno-Olbia (e viceversa)

si segnala che il trasporto marittimo di passeggeri può essere autorizzato solo per le seguenti ed improrogabili motivazioni:

  • comprovate esigenze lavorative
  • assoluta urgenza
  • motivi di salute
  • rientro presso la propria residenza

I passeggeri che rientrano tra gli aventi diritto dovranno richiedere alla Regione Sardegna l’autorizzazione a partire 48 ore prima della partenza, seguendo la procedura dettagliatamente descritta sul sito web della Regione Sardegna. L’autorizzazione verrà rilasciata entro 12 ore dalla partenza e dovrà essere presentata all’imbarco, insieme al biglietto e a un documento d’identità. Eventuali richieste di informazioni possono essere inviate alla casella mail: urp.emergenza@regione.sardegna.it.

I passeggeri devono inoltre obbligatoriamente munirsi del seguente documento di autodichiarazione da presentare all’imbarco regolarmente firmato.

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Per le tratte verso la Spagna

  • Civitavecchia-Barcellona
  • Porto Torres-Barcellona
  • Savona-Barcellona

In collaborazione con le autorità competenti, Grimaldi Lines informa dell’applicazione dell’Ordinanza SND/439/2020, del 23 maggio, del Ministero degli Interni del Governo di Spagna https://www.boe.es/boe/dias/2020/05/23/pdfs/BOE-A-2020-5264.pdf), che ripristina temporaneamente i controlli alle frontiere aeree e marittime, e che consente l’ingresso nel territorio spagnolo per via aerea e marittima a un gruppo limitato di persone:

  1. Cittadini spagnoli.
  2. Residenti in Spagna, che devono dimostrare la loro residenza abituale.
  3. Residenti in altri Stati Membri o Stati associati Schengen che si dirigono presso il proprio luogo di residenza
  4. Lavoratori transfrontalieri.
  5. Operatori sanitari o di assistenza agli anziani che svolgono la propria attività lavorativa.
  6. Coloro che si tratterranno nel territorio spagnolo per qualsiasi altro motivo esclusivamente lavorativo, compresi i lavoratori stagionali, sempre quando accreditato con documentazione.
  7. Le persone che documentano la prova di cause di forza maggiore o una situazione di necessità.

Inoltre, attraverso l’ordine INT / 409/2020, del 14 maggio, emesso dal Ministero degli Interni del governo spagnolo (https://boe.es/boe/dias/2020/05/15/pdfs/BOE-A-2020-5053.pdf), viene estesa la limitazione temporanea dei viaggi non essenziali da paesi terzi verso l’Unione europea e i paesi Schengen associati, secondo il quale  sarà soggetto al rifiuto d’ingresso, per motivi di ordine pubblico o di sanità pubblica, ogni persona cittadino di un paese terzo, a meno che non appartenga a una delle categorie eccezionali ivi incluse:

  1. residenti abituali nell’Unione europea, negli Stati Schengen associati o in Andorra, che si recano direttamente nel loro luogo di residenza.
  1. titolari di un visto a lungo termine rilasciato da uno Stato membro o da uno Stato associato Schengen che lo applicano.
  2. lavoratori transfrontalieri.
  3. professionisti della salute o dell’assistenza agli anziani che vanno o tornano dall’esercizio della propria attività lavorativa.
  4. personale dedicato al trasporto di merci nell’esercizio della propria attività lavorativa, che comprende l’equipaggio delle navi, al fine di garantire la fornitura di servizi di trasporto marittimo e attività di pesca; e il personale di volo necessario per svolgere attività di trasporto aereo commerciale. Sarà una condizione indispensabile che garantiscano l’immediato proseguimento del viaggio.
  5. personale delle organizzazioni diplomatiche, consolari, internazionali, militari e umanitarie, nell’esercizio delle loro funzioni.
  6. persone che viaggiano per motivi imperativi di famiglia debitamente accreditati.
  7. persone che documentano ragioni documentali di forza maggiore o situazione di necessità o il cui ingresso è consentito per motivi umanitari.

In ogni caso, data la mutevole situazione normativa, si raccomanda vivamente ai passeggeri di consultare sempre le normative vigenti al fine di verificare che siano debitamente conformi ai requisiti legali e amministrativi per l’ingresso in Spagna e che non siano soggetti a restrizioni all’ingresso nel territorio nazionale. L’inosservanza delle normative è di loro esclusiva responsabilità, dato che le autorità amministrative competenti possono negarne l’ingresso se non soddisfano i criteri richiesti dell governo spagnolo.

Nel pieno rispetto dei suoi obblighi legali, Grimaldi Lines informa che l’Ordine SND / 403/2020, dell’11 maggio, dal Ministero della Salute del governo della Spagna (https://boe.es/boe/dias/2020/05/12 /pdfs/BOE-A-2020-4932.pdf) le persone provenienti dall’estero si devono mettere in quarantena i 14 giorni successivi al loro arrivo in Spagna mentre viene mantenuto lo stato di emergenza o le sue estensioni. Durante il periodo di quarantena, le persone indicate devono rimanere nella loro casa o alloggio e devono limitare i loro movimenti alle seguenti attività:

  • Acquisizione di alimenti, prodotti farmaceutici e generi di prima necessità.
  • Assistenza a centri sanitari, servizi e stabilimenti.
  • Per motivi di forza maggiore o situazione di necessità.
  • Per svolgere inattività lavorativa a carattere essenziale, d’accordo con quanto previsto nell’annesso del Real Decreto-ley 10/2020, del 29 marzo, nel quale si regola un congedo retribuito recuperabile per i lavoratori subordinati che non prestano servizi essenziali, al fine di ridurre la mobilità della popolazione nel contesto della lotta al Covid-19, o motivata da forza maggiore o necessità.

Per tutti gli spostamenti è obbligatorio l’uso della mascherina. Allo stesso modo, devono osservare tutte le misure igieniche e / o di prevenzione della trasmissione della malattia causata da COVID-19, in particolare per quanto riguarda il contatto con i conviventi. Le autorità sanitarie possono contattare le persone in quarantena per monitorarle. In ogni caso, in caso di sintomi come febbre, tosse, difficoltà respiratoria, malesere generale o altri sintomi di un caso sospetto di COVID-19, le persone in quarantena devono contattare telefonicamente i servizi sanitari utilizzando i numeri abilitati dalle Comunità autonome, informando che sono in quarantena per essere venuti dall’estero. I lavoratori transfrontalieri, i trasportatori e gli equipaggi, nonché gli operatori sanitari che eseguiranno il proprio lavoro, sono esenti da tali misure, a condizione che non siano stati in contatto con persone cui è stato diagnosticato il COVID-19. Di conseguenza, e in conformità con le istruzioni del Ministero della Salute, ogni passeggero deve compilare una Dichiarazione di responsabilità vincolante prima dell’imbarco, che deve essere fornita quando richiesto per presentarla alle autorità competenti, di cui il passeggero è il solo responsabile della dichiarazione. Può trovare il modulo fornito dal governo spagnolo al seguente link. In ogni caso, data la mutevole situazione normativa, si raccomanda vivamente al passeggero di consultare in qualsiasi momento le normative vigenti al fine di verificare che siano debitamente conformi ai requisiti legali e amministrativi per l’ingresso in Spagna e la cui non conformità è la loro Responsabilità esclusiva  Il decreto 463/2020, del 14 marzo, che dichiara lo stato di emergenza per la gestione della situazione di crisi sanitaria causata da COVID-19, determina nel suo articolo 7, riguardo alla limitazione della libertà di circolazione delle persone, che durante la validità dello stato di emergenza le persone potranno circolare solo lungo le strade di uso pubblico per determinate attività valutate. In questo senso, a meno che il biglietto non sia stato acquistato per lo svolgimento di una di queste attività: IL VIAGGIO È SCONSIGLIATO, SALVO PER I MOTIVI SOPRA INDICATI.

 

Per le tratte dalla Spagna

  • Barcellona-Savona

La linea è sospesa fino al 24 maggio 2020

  • Barcellona-Civitavecchia

E’ consentito unicamente il rientro in Italia di un cittadino italiano temporaneamente all’estero o di uno straniero residente in Italia solo se trattasi di un’urgenza assoluta. È quindi, per esempio, consentito il rientro dei cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia che si trovano all’estero in via temporanea (per turismo, affari o altro). È ugualmente consentito il rientro in Italia dei cittadini italiani costretti a lasciare definitivamente il Paese estero dove lavoravano o studiavano (perché, ad esempio, sono stati licenziati, hanno perso la casa, il loro corso di studi è stato definitivamente interrotto). L’autocertificazione sui motivi del rientro dall’estero va consegnata all’imbarco e deve contenere i motivi del viaggio in modo dettagliato (salute, lavoro, necessità assoluta), l’indicazione del luogo dove si trascorreranno i successivi 14 giorni di isolamento, il mezzo proprio o privato con cui tale luogo sarà raggiunto e un recapito telefonico anche mobile.

Verrà accettato l’imbarco solo di passeggeri con veicolo a seguito o trasferimento privato già organizzato con prelevamento direttamente sotto bordo ed immediato trasferimento presso il domicilio in cui effettueranno la quarantena. Su richiesta della Polizia di Civitavecchia, prima dell’imbarco dovrà essere compilato il seguente form .

Scarica il modulo di auto dichiarazione ai fini dell’ingresso in Italia.

 

  • Barcellona-Porto Torres

si segnala che il trasporto marittimo di passeggeri può essere autorizzato solo per le seguenti ed improrogabili motivazioni:

  • comprovate esigenze lavorative
  • assoluta urgenza
  • motivi di salute
  • rientro presso la propria residenza

I passeggeri che rientrano tra gli aventi diritto dovranno richiedere alla Regione Sardegna l’autorizzazione a partire 48 ore prima della partenza, seguendo la procedura dettagliatamente descritta sul sito web della Regione Sardegna. L’autorizzazione verrà rilasciata entro 12 ore dalla partenza e dovrà essere presentata all’imbarco, insieme al biglietto e a un documento d’identità.

I passeggeri devono inoltre obbligatoriamente munirsi del seguente documento di autodichiarazione da presentare all’imbarco regolarmente firmato.

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Per le tratte da/verso la Sicilia:

  • Livorno-Palermo (e viceversa)
  • Salerno-Palermo (e viceversa)
  • Salerno-Catania (e viceversa)

si segnala che il trasporto passeggeri è sospeso fino al 17 maggio 2020.

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Per le tratte da/verso la Grecia

  • Brindisi-Igoumenitsa (e viceversa)
  • Brindisi-Patrasso (e viceversa)
  • Ancona-Igoumenitsa (e viceversa)
  • Ancona-Patrasso (e viceversa)
  • Venezia-Igoumenitsa (e viceversa)
  • Venezia-Patrasso (e viceversa)

 

si segnala che il trasporto passeggeri è sospeso fino al 31 maggio 2020

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Per le tratte da/verso il Marocco

  • Savona-Tangeri (e viceversa)
  • Barcellona -Tangeri (e viceversa)

 

si segnala che il trasporto passeggeri è sospeso fino al 10 giugno 2020

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Per le tratte da/verso la Tunisia

  • Civitavecchia-Tunisi (e viceversa)
  • Salerno-Tunisi (e viceversa)
  • Palermo-Tunisi (e viceversa)

 

si segnala che il trasporto passeggeri è sospeso fino al  03 giugno 2020

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Per le tratte da/verso Malta

  • Salerno-Malta (e viceversa)
  • Catania-Malta (e viceversa)

si segnala che il trasporto passeggeri è sospeso fino al 02 giugno 2020

Consulta le nostre misure di prevenzione del Coronavirus!

Consulta anche la sezione modifica e annullamento biglietti.

Per informazioni invia un’email ad info@grimaldi.napoli.it

Grimaldi Group SpA
Sede legale Palermo - Via Emerico Amari n°8 | Capitale Sociale: €150.000.000,00 | C.F. e Registro Imprese di Palermo: 00117240820 | P.IVA: IT 00117240820