ALLA SCOPERTA DI BARCELLONA: ITINERARIO DI 2 GIORNI
 
La meravigliosa capitale catalana è uno scrigno ricco di tesori che aspettano solo di essere scoperti: architettura sorprendente, panorami spettacolari, vita culturale e notturna attivissima e un clima che mette allegria! Per non perdervi nessuna delle attrazioni di Barcellona ed immergervi nella sua frizzante atmosfera, ecco i nostri consigli su cosa vedere in due giorni.
 
Giorno 1: il mondo magico di Gaudí
 
L’architetto modernista Antoni Gaudí ha saputo forgiare la personalità di Barcellona rendendola unica agli occhi del mondo. La Sagrada Familia, le sue case e il Parc Guell sono il simbolo della città e sono le prime tappe obbligate del nostro itinerario.
 
Iniziamo dalla Sagrada Familia, la basilica incompiuta considerata il capolavoro di Gaudí. Se dall’esterno il tempio è uno spettacolo incredibile, con le sue alte guglie e i richiami simbolici, l’interno non è da meno. La luce entra dalle colorate vetrate creando effetti magici che vi conquisteranno!
Una volta terminata la visita alla Sagrada Familia, prendete la metro blu L5 fino alla fermata Diagonal per iniziare la vostra camminata sull’elegante viale di Passeig de Gracia, dove si affacciano le due case più famose e belle di Gaudi: la Pedrera e la Casa Batlló.
La prima in ordine di apparizione è la Pedrera, o Casa Milá;  la facciata ondulata e sinuosa attirerà la vostra attenzione, ma dovrete entrare per ammirare la magia del suo tetto!
Una volta usciti dalla Pedrera, continuate a camminare fino a che non troverete davanti a voi, sul lato destro del viale, una stravagante facciata dai colori azzurri e verdi, con balconi che sembrano ossa e il tetto che ricorda un drago… benvenuti alla Casa Batlló, uno dei capolavori di Gaudí e tra gli edifici più famosi e belli di Barcellona. Non tralasciate l’interno, un susseguirsi di onde, spirali e dettagli nautici.
Se vi restano tempo ed energie, salite fino al Parc Guell (da Passeig de Gràcia prendete il bus 24 che in una quarantina di minuti arriva all’entrata del parco) ed ammirate da questo eccentrico e colorato parco lo splendido panorama su Barcellona al tramonto. Una vista indimenticabile!
 
Giorno 2: la Rambla e il quartiere Gotico
 
Per il secondo giorno di visita partiamo dal centro nevralgico di Barcellona, plaça Catalunya, la sua piazza più grande e conosciuta. Da qui, imboccate la Rambla, uno dei viali piu famosi al mondo, che potrete percorrere con calma, facendovi catturare dall’atmosfera vivace di questa via oggi piena di turisti ma che conserva ancora in alcuni tratti lo spirito tradizionale di un tempo.
Verso la fine della passeggiata girate a sinistra per accedere alla plaça Reial, con i suoi portici e le palme che le danno un’aria tropicale. E’ da qui che vi addentrerete nelle stradine del Barrio Gotico, il quartiere medievale di Barcellona, per scoprire le sue belle chiese, piazzette e angoli pittoreschi. Da non perdere la Cattedrale, la plaça Sant Felipe Neri, la plaça del Pi e la plaça del Rei.
Quando avrete esplorato tutti gli angoli più nascosti, passate al Born, il quartiere alla moda, dove si trovano la splendida basilica di Santa Maria del Mar, il modernista Palau de la Musica e tanti ristorantini di tapas dove innamorarsi della gastronomia catalana.

Itinerario proposto da VisitareBarcellona.com